Perché gli hamburger piacciono tanto agli italiani

Perché gli hamburger piacciono tanto agli italiani

Sia a domicilio che fuori,  la polpetta di carne schiacciata e cotta alla piastra, quella che le nostre nonne chiamavano svizzera e che oggi chiamiamo hamburger, sta riscuotendo sempre più successo. Per chi non lo sapesse, la sua origine è rintracciabile nel nome: la grande città portuale di Amburgo, in Germania, città di marinai che poi lo portarono, racconta la leggenda, negli USA.

Altro dato interessante è che gli hamburger, anche in Italia, hanno fatto registrare negli ultimi tempi una costante ascesa delle ordinazioni e nel consumo

Si tratta di incrementi sulle ordinazioni che superano il duecento per cento e quindi tutt’altro che insignificanti.

Questi dati lasciano supporre che si tratti di una tendenza ormai consolidata, ovvero di un mutamento delle abitudini alimentari permanente e destinato a rimanere.

Una tendenza tutt’altro che scontata in un Paese come il nostro che si caratterizza da sempre per il suo estremo conservatorismo culinario.

Stiamo diventando sempre meno conservatori?

I dati in nostro possesso raccontano una storia davvero buffa.

Stando sempre ai dati registrati dalle grandi catene del fast food, il giorno in cui l’hamburger riscuote più successo, nel Bel Paese, è la domenica, soprattutto intorno all’ora di cena. Quella domenica che un giorno era consacrata, cascasse il mondo, al consumo degli alimenti più tradizionali.

Le famiglie hanno trascorso la giornata festiva fuori casa, in gita, al mare o in montagna e quando si rientra a casa nessuno ha voglia di mettersi ai fornelli, anche perché la mente è già rivolta al lunedì e quindi l’umore tende comprensibilmente a finire sotto i tacchi.

E allora perché non ordinare un piatto veloce, appetitoso e stuzzicante come l’hamburger? Si telefona, si ordina e dopo un quarto d’ora, venti minuti al massimo, ci si  mette tutti intorno a un tavolo, si stappa una birra o una bevanda gassata e ci si gode questa succulenta polpetta veloce e saporita.

È come se ci concedessimo un’ultima innocente evasione prima di ripiombare nel tran tran della settimana.

Comfort food? Certo, perché no? Non è proprio questo il pregio più grande di questa pietanza veloce e sostanziosa? Con un bel contorno di patatine, di senape, ketchup, o quel che volete voi, è in grado di tirare su il morale in pochissimi minuti.

Una festa per pochi euro

Aspetto molto importante  da considerare è il prezzo, che di solito non è certo esoso, il che di questi tempi non è un aspetto secondario.

Per pochi euro ci si può godere un piatto che ci riempie, scalda l’atmosfera, rimette in sesto l’umore, ravviva una serata uggiosa, innesca la fiamma della convivialità.

I più gettonati

Magari sarà anche vero che stiamo abbandonando il nostro conservatorismo, chissà, ma anche quando si parla di hamburger noi italiani preferiamo andare sul classico. Gli assemblaggi preferiti dalle nostre parti sono infatti quelli al formaggio e alla pancetta.

Nella classifica di gradimento sono in salita anche gli hamburger vegetariani, ma per il momento il distacco è ancora netto.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *